Finanziamenti a Fondo Perduto

Il Finanziamento a Fondo Perduto è una forma particolare di prestito che si rende sostanzialmente differente dalle altre per il fatto che non deve essere restituita dal soggetto che ne ha fatto richiesta all’istituto bancario che lo ha concesso, perché si presenta come un incentivo, un investimento che le regioni e le province destinano a nuove attività imprenditoriali.

Questo tipo di finanziamento viene destinato a particolari categorie di lavoratori, che vengono riconosciute come svantaggiate ed identificate con i disoccupati, i giovani e le donne, in maniera tale da offrire, a queste classi di lavoratori la possibilità di dare vita ad un’attività imprenditoriale.

Il Finanziamento a Fondo Perduto viene elargito, come precedentemente detto dalle Regioni e dalle Provincie, che decidono per la concessione di un determinato capitale in seguito alla presentazione, da parte del soggetto che ne fa richiesta, di un progetto be definito, con allegata programmazione, fino ad un massimo di 3 anni dell’andamento previsto dell’impresa.

Il capitale che sarà messo a disposizione dalle società di credito delle regioni e delle provincie dovrà naturalmente essere impiegato, in accordo con l’ente che lo ha fornito, per acquistare nuovi macchinari, immobili o per la ristrutturazione degli immobili, ma potrà anche essere investito nella ricerca di nuove tecnologie o in corsi di formazione.